CAPANNONI

Pochi pittori del nostro tempo hanno, più di Mimmo Centonze, il senso della vastità dello spazio. Le sue grandi tele ci disorientano e ci attraggono come la luce sul fondo di una caverna. Dobbiamo avanzare. Dobbiamo arrivare all’origine della luce.